Pubblicità


 

 

 

 

Un sito e un libro per gli appassionati di trippa

Sull'onda del successo di "Troppa trippa", a grande richiesta abbiamo deciso di aprire un sito Internet interamente dedicato a quello che viene simpaticamente apostrofato come il "quinto quarto". Questa collezione di 377 pagine elettroniche si propone di raccogliere, integrare e presentare nuovo materiale, idee, notizie e ricette insolite - grazie anche alla preziosa collaborazione dei lettori - come parte del processo di pubblicazione delle prossime edizioni cartacee, coinvolgendo appassionatamente in una comunità virtuale tutti quelli che non battono ciglio di fronte alla trippa, anche se è troppa.


Il più recente Quaderno pubblicato

Tutti i Quaderni di TroppaTrippa.com


Gli articoli più letti

 Lo spettacolo deve continuare - Sulla pietra tombale di un cimitero inglese, pur lamentando la scomparsa del marito, la moglie approfitta della funesta occasione per promuovere la tripperia di famiglia, che resta aperta nonostante il lutto.
 La trippa nell'arte - La trippa non fa bella figura soltanto nei piatti: numerosi artisti italiani e stranieri hanno immortalato trippa e trippai nelle loro opere. Ecco una collezione di capolavori sul quinto quarto e chi lo vende.
 1923: l'anno della trippa gratis - Quando nel 1923 in Nuova Scozia venne deciso di adottare la guida all'europea, i buoi che tiravano i carretti, metodici di natura ed abituati a muoversi sulla sinistra, furono vittime di un alto numero di incidenti, tanto che il 1923 viene ancora ricordato dai canadesi come "The year of free beef", ovvero "l'anno della carne gratis".
 Trippa e cipolle per il re inglese - Secondo una indiscrezione apparsa su un quotidiano americano, il principe di Galles Edoardo era ghiotto del tradizionale piatto britannico di trippa e cipolle.
 Non toccate le mucche! - Il divieto di cibarsi di carne bovina risale ai Veda, l'antichissima raccolta di testi sacri del ventesimo secolo avanti Cristo diventata successivamente di primaria importanza per gli induisti. Lo stesso termine "aghnya", che indica la mucca da latte, significa in sanscrito "colei che non si può macellare".


Since June 2008 - © Aerostato, Seattle - All Rights Reserved.