Skip to content
Pubblicità
Troppatrippa.com

Modi di dire e proverbi italiani sulla trippa

  • NUN C’È TRIPPA PE’ GATTIDetto quando non c’è niente da fare appunto come quando manca la trippa per i gatti.
  • È FINITA LA TRIPPA! – Sono finiti i tempi delle vacche grasse, tempi in cui si mangiava a sbafo o gratis (di significato simile al più noto “Nun c’è trippa pe’ gatti”).
  • GIOVEDÌ GNOCCHI, SABATO TRIPPA – Nel dopoguerra le trattorie romane cominciarono a servire a rotazione settimanale dei piatti tanto semplici quanto tipici: il giovedì gli gnocchi, il venerdì il pesce (in osservanza del precetto cattolico) e di sabato la trippa (manzi e vitelli si macellavano solitamente alla vigilia della domenica), piatto sostanzioso che anticipava la festa del giorno successivo.
  • A LA TRIPPA LA MENTA, AR PISELLO ER PROSCIUTTO E SU TUTT’E DUA METTECE UN GOTTO – Un altro modo di dire romano che suggeriva di cucinare la trippa con la menta, i pisellini col prosciutto e di gustare poi il tutto con un bel bicchiere di vino.
  • DIVINTARI QUANTU TRIDDINARI DI TRIPPA COTTAFarsi piccolo piccolo per paura o minacce altrui, piccolo come la quantità di trippa cotta che si acquista con tre soldi.
  • FÀCCE ‘NA FIGURA DE TRIPPAROLOFare una figura da trippaiolo cioè una pessima figura: il lavoro del trippaio non era dei più stimati, associato com’era ad un cibo considerato di infima qualità.
  • LA TRIPPA DE VACCINA FA VERGOGNA A CHI LA CUCINAModo di dire che conferma come il precedente la bassa considerazione di cui godeva la trippa.
  • TRIPPA AR SUGO E BACCALÀ IN GUAZZETTODetto accennando a qualsiasi cosa che torna a ripetersi come queste due pietanze che venivano cucinate regolarmente ogni venerdì e sabato.
  • LA COSCIENZA È COME LA TRIPPA: LA VIENE DA TUTTE LE PARTIUn proverbio toscano fra i meno noti.
  • TRIPPA E SECRE SU’ ‘A VRIGOGNE DA ZUCCATrippa e bietole son la vergogna della suocera.
  • A CHI PIACE LA TRIPPA, A CHI ER BUDELLOProverbio popolare romano.
  • A CASTELU PIACE PIÙ LA TRIPPA CHE IL BUDELUProverbio popolare dell’Umbria.
  • LU TROPPO È TRIPPAOvvero il troppo stroppia, in un proverbio popolare della Calabria.
  • LA TRIPPA È NNA RITI: CHIÙ CI MENTI, CHIÙ CI CAPIProverbio calabrese che letteralmente significa “La trippa è come una rete: più ci metti, più ne prende” riferito al fatto che la trippa assorbe facilmente il sapore degli ingredienti ai quali viene abbinata.
  • A MEGGHIU MEDICINA È VINU E MORZEDDHU A MATINAProverbio popolare calabrese: la meglio medicina è vino e morzello la mattina.
  • ACQUA COTTA, PANE SPREGA E TRIPPA ABBOTTAProverbio popolare romano.
  • SEGGIOLA’EVI CHE POI SI STRIPPA“Mettetevi a sedere che si mangia la trippa”, un modo di dire del vernacolo fiorentino.
  • PORTAI PINNICAS CHE SU CENTU PILLONISModo di dire sardo per indicare una persona contorta e di difficile convivenza col prossimo (letteralmente “Avere tanti anfratti come il centopelli della trippa”).
  • T’A FAJE CU LL’OVE ‘A TRIPPA!“Te la fai con le uova la trippa!” in dialetto napoletano. La trippa rappresenta una sfortunata situazione che uno deve per forza di cose affrontare, ed il suggerimento di prepararla con le uova servirebbe a rendere meno difficile il doverla mangiare, un po’ come il poco di zucchero che serve a mandar giù la pillola.
  • ‘A TRIPPA DI ZIANATA“La trippa di tua zia!”, un insulto siciliano utilizzato nel mondo della mafia americana.
  • A FIRENZE FACEVO I’ TTRIPPAIO, M’É SUCCESSO UN GROSSISSIMO GUAIO: LA MI’ MOGLIE, UNA DONNA PIACENTE, DAVA VIA LA TRIPPA PE’ NIENTEUna simpatica battuta a rima baciata che gioca sul doppio senso di “trippa”.
  • MANGIA’ LA BÜSECA DE SAN BASSAN VÖR DI’ STAR BEN TÜT L’AN – Letteralmente: “Mangiare la trippa di San Bassiano, vuol dire stare bene tutto l’anno”: la leggenda sostiene che il vescovo Bassiano promise ai suoi concittadini che la peste non avrebbe mai contagiato Lodi; così fu e per questo Bassiano venne santificato e divenne il patrono della città lombarda, ricordato il 19 gennaio di ogni anno con distribuzione della tradizionale “büseca de San Bassan“.

  • TRIPE TREVISANEPittoresco eufemismo con il quale i barcaioli veneziani indicavano le “donne mondane” (prostitute), anche dette “gratapanze”.
  • LAMPREDOTTO E UN BIANCO POSCIA, MEGLIO È ASSAI D’UNA BRIOSCIAModo di dire fiorentino: un panino al lampredotto si gusta meglio se accompagnato da un bicchiere di vino bianco.
  • A TRIPPA È DI PEDDICCHIA, CCHIÙ MANGI E CCHIÙ STENDICCHIAModo di dire di Reggio Calabria che ricorda che “la trippa è fatta di pelle, più [ne] mangi, più si espande”. Il “ne” è mio…
  • PAN PADOVANO, VIN VICENTINO, CARNE FURLANA, TRIPPE TRIVIGIANEAd ognuno la sua specialità, quindi il pane a Padova, il vino a Vicenza, la carne nel Friuli e la trippa a Treviso.
  • VENESSIANI GRAN SIGNORI, PADOVANI GRAN DOTTORI, VICENTINI MAGNAGATI, VERONESI TUTI MATI, […] TREVISANI PAN E TRIPE, ROVIGOTI BACO E PIPE […]Parte di una filastrocca popolare veneta che gioca sugli stereotipi provinciali.

Illustrazione originale di Toni Vedù per il libro di David Conati “Noi veneti”


Vedi anche Modi di dire e proverbi stranieri sulla trippa

Condividi questo articolo

Altri articoli che potrebbero interessarti

Trippa e poesia a Montemassi

Venerdì 12 luglio alle 21:15, nella suggestiva piazza della chiesa di Montemassi in provincia di Grosseto, la compagnia Spazio Scenico […]

Ventinove volte trippa

Per la ventinovesima volta a Villa San Giovanni in Tuscia, nel viterbese, va in scena la Sagra della trippa. L’organizzazione […]

Il più recente Quaderno pubblicato: acquistalo subito!

Troppa Trippa

Come ricorda Leo Codacci nella prefazione al volume originale, in “Troppa Trippa” Indro Neri ha proposto “uno studio, una ricerca accurata, un atto di amore che esaltano la stessa storia tenuta in vita a Firenze dai ventisette trippai” ed il volume, che era di quasi duecento pagine ma viene ora ripubblicato in agili Quaderni, “è anche far poesia di quella vera… particolarmente per la trippa”. In questa deliziosa ricerca, che aveva impegnato l’autore per tre lunghi anni, era contenuta la storia dei trippai dall’antichità ad oggi, le ricette toscane sulla trippa, quelle regionali da tutta Italia e quelle caratteristiche di ogni nazione oltre ad indicazioni culinarie ripescate da antichi manoscritti o grazie alla tradizione popolare; e ancora curiosità sulla trippa, notizie sulle confraternite italiane e straniere per la promozione della trippa nel mondo, la trippa nella poesia, nella letteratura e nei fumetti, modi di dire e proverbi sulla trippa e molto altro ancora. Tutti questi contenuti – rivisti ed ampliati da nuove ricerche – vengono ora raccolti periodicamente nella collana dei Quaderni di TroppaTrippa.com, pubblicazioni tematiche per la gioia di chi ama la trippa anche se è troppa.

Chi è Indro Neri

Fiorentino, editore, scrittore e giornalista, dal 1997 Indro Neri si occupa di trippa, collabora regolarmente a riviste, siti Internet e blog, ed ha al suo attivo numerosi libri. Appassionato di viaggi e di storia della gastronomia italiana e straniera, è stato ospite di Rai Uno e Rete 4 in veste di esperto di trippa nel mondo ed è tuttora regolarmente invitato a presenziare fiere, concorsi ed eventi gastronomici sul quinto quarto. Uno dei fondatori della Accademia della Trippa nel 2008, nel 2019 è stato insignito del titolo di Commendatore d’Onore della Confraternita d’la Tripa di Moncalieri e dal 2023 fa parte della North American Tripe Association. Indro è sempre disponibile per collaborazioni, interventi e presentazioni sulle mille curiosità legate al tema della trippa.

Tutti gli eventi a cui Indro ha partecipato

Filtra per argomento
Microfinanziamenti di trippa

Per salvaguardare e promuovere la tradizione della trippa, parte del ricavato della vendita dei Quaderni di TroppaTrippa.com viene utilizzato per finanziare trippai nel resto del mondo impegnandosi attivamente in progetti che – in una maniera o nell’altra – hanno a che vedere con il quinto quarto.

Clicca qui per l’elenco dei progetti microfinanziati con le vendita dei Quaderni


Sito riconosciuto

dall’Accademia della Trippa